Fitzcarraldo, avventura fluviale per menti creative

Un'avventura sul Grande Fiume, da Suzzara a Felonica, per scoprire e raccontare l'Oltrepò Mantovano diventando ambasciatori del nostro territorio. Un progetto in tre fasi - laboratori, crociera avventurosa e performance - di cui Pantacon ha firmato l'elaborazione creativa.

Tre giorni indimenticabili  a bordo de La Cicogna nell’Oltrepò Mantovano per quaranta ragazzi, che hanno esplorato luoghi e vissuto esperienze uniche, e che insieme ne hanno fatto un racconto, costruendo in due intensi weekend di lavoro una performance capace di restituire agli occhi del pubblico ciò che hanno vissuto e hanno voluto condividere. A coordinarli, la squadra di registi di Teatro Magro e Zerobeat composta da Flavio Cortellazzi, Roberto Pavani e Diego Devincenzi. “Una partitura per raccontare un territorio, tanto vicino quanto sconosciuto, e per offrire agli spettatori una chiave di lettura multidimensionale, nata da espressioni grafiche, di illustrazione, scrittura creativa, fotografie o video realizzate durante e dopo la crociera - spiega Andrea Caprini, presidente del Consorzio Pantacon, che ha elaborato la proposta creativa di Fitzcarraldo - protagonisti della performance saranno non solo i ragazzi stessi ma anche i simboli della natura che hanno accolto e circondato l’equipaggio, dall’acqua alla vegetazione, la sabbia, i passi fatti lungo gli argini”.

Fitzcarraldo, progetto voluto dal Consorzio Oltrepò Mantovano in collaborazione con Provincia di Mantova e Regione Lombardia, fa parte del progetto "IL SESTO SENSO - conoscenza e uso responsabile del patrimonio culturale e ambientale come diritto di ogni cittadino" sostenuto da Fondazione Cariplo.

Visita il BLOG FITZCARRALDO
con tutti i testi, le foto e i racconti live.

IL PROGRAMMA

Questo è il programma dell'avventura, svoltasi dal 9 all'11 maggio, con partenza venerdì da Riva di Suzzara alle ore 14.30 e arrivo a Felonica domenica alle 13.00. Durante il primo giorno imbarco alle 15 e navigazione con attività di laboratorio a bordo. Alle 19 dopo l'attracco a San Benedetto Po ci si recherà in bicicletta presso la piazza di San Benedetto Po per la cena alle Sagra dell'asparago. Alle 21 trasferimento in bicicletta a Gorgo di San Benedetto Po per lo spettacolo della Scuola di Musica di San Benedetto Po, dedicato al poeta Umberto Bellintani di cui ricorre il centenario della nascita e ritorno all'attracco di San Benedetto in bici, imbarco e trasferimento a Quingentole per l'alloggio presso la palestra Comunale Breda, per il pernottamento.

Sabato 10 risveglio e colazione mantovana in loco, partenza da Quingentole e giro in bicicletta ad anello, attraverso gli argini con visita a Nuvolato al Museo Diffuso Giuseppe Gorni, percorso fino alla Foce del Secchia, ritorno a Quingentole. A seguire, visita al museo dei burattini di Corniani e presso la casa del pittore Lanfranco, pranzo e imbarco a Quingentole alle 15.30 con arrivo alle 17 a Pieve di Coriano, passeggiata lungo il fiume fino a Revere e sonorizzazioni a cura dei musicanti della bassa. Alle 19.30 incontro con il poeta Vincenzo Costantino Chinaski al Museo del Po presso il Mulino Natante, e più tardi aperitivo e cena presso la "Canottieri Revere". Dalle 22 imbarco a Revere e navigazione notturna fino all'Isola Boscone, spettacolo di Giorgio Gabrielli e falò notturno sulla spiaggia (in caso di maltempo è previsto il pernotto in struttura coperta).

Colazione all'alba sul fiume, con un'escursione a spasso con Daniele Cuizzi, responsabile ERSAF – Isola Boscone, successivo imbarco e navigazione con attività di laboratorio a bordo. A Felonica, incontro con il Conservatore del Museo locale Simone Guidorzi, con racconti sulle memorie del fiume Po e della II Guerra Mondiale. Alle 13 incontro con lo scrittore Vittorio Bocchi e chiusura del viaggio con tirot e salame a Felonica.

 

LA PERFORMANCE

Dal foglio di sala distribuito a San Benedetto, Revere e Suzzara durante le repliche in luglio 2014:

«Chi sogna può muovere le montagne» Fitzcarraldo (W.Herzog, 1982)

Difficile dire cosa sia Fitzcarraldo. Ci sembra più facile raccontarvi le suggestioni. Tuttavia, per preparavi a questo spettacolo, vi possiamo dare un po' di informazioni che preparino il terreno alle emozioni. In un weekend primaverile, dal 9 all'11 maggio, abbiamo percorso 80 chilometri su un'imbarcazione dal nome materno, la Cicogna, che ci ha cullati da Suzzara a Felonica lasciandoci liberi là dove gambe e pedali potevano farci esplorare il territorio dell'Oltrepò Mantovano. Abbiamo vissuto con stupore e curiosità giorni intensi che hanno mescolato cultura e natura tra terra e fiume, reinterpretando a modo nostro tutto ciò che abbiamo incontrato sul cammino. Abbiamo vissuto e immortalato questa esplorazione con tutti i linguaggi possibili, quelli a noi più congeniali, e li abbiamo fatti confluire nel teatro: fotografie, video, testi, dipinti ad acquerello hanno ispirato la performance che vedrete questa sera, ma sono stati anche al centro di laboratori creativi, preparatori al nostro viaggio.  Fitzcarraldo è un'esperienza inserita nell'ambito del progetto più ampio "Nel segno mantovano - il 6° Senso" sostenuto da Consorzio Oltrepò Mantovano, Provincia di Mantova, Regione Lombardia e Fondazione Cariplo.

Perchè "Fitzcarraldo"? Il nome è preso in prestito dal film tedesco diretto da Werner Herzog nel 1982, che vinse quell'anno il premio per la miglior regia al Festival di Cannes. Siamo in Amazzonia, a cavallo tra 800 e 900. Brian Sweeny Fitzgerald (che si fa chiamare "Fitzcarraldo" perché i nativi del luogo non sanno pronunciare il suo cognome) ha un grande sogno: costruire un grande Teatro dell'Opera a Iquitos, piccolo villaggio amazzonico, ma per farlo deve attraversare le montagne. Lo fa con una vera nave a vapore, issata con argani di legno e funi, a forza di braccia. Una corsa sul filo sottile tra sogno e volontà.

VIDEO

Roberto Pavani di Zerobeat e Cristian Alberini firmano le meravigliose immagini di Fitzcarraldo.

 

I video dei workshop tematici, che hanno costituito la prima fase del progetto, con l'illustratore Alessandro Sanna (Sermide, 29 e 30 marzo), con il fotografo Cristian Alberini (Gonzaga, 5 e 6 aprile) e con lo scrittore Vincenzo Costantino Cinasky (Ostiglia, 12 e 13 aprile).

FOTO

La fotografa professionista Simona Paleari, che ci ha seguiti a bordo della Cicogna lungo il fiume Po, firma un meraviglioso reportage fotografico dei tre giorni e dello spettacolo finale Fitzcarraldo. E' possibile vedere le sue foto qui

Le foto del backstage sono firmate da Simona Paleari e Elio Scardovelli: